+39 340 667 1868
Valle dei Cavalieri

Valle dei Cavalieri

Il racconto della mia work experience

Parte prima 6-7-8 aprile 2019

Non so se voi avete mai riflettuto sul significato reale di alcune parole. Troppo spesso ci fermiamo alla superficie del vocabolo, senza entrare in profondità per capirne il vero significato. Pensate ad esempio alla parola “lasciare”, oppure “abitare” o ancora “vivere”. Senza dubbio, nel parlato quotidiano viene data spesso un’accezione negativa al termine lasciare: “sono stato lasciato”, “ho lasciato quel lavoro”, “lascia stare quello!”.

Vivere e abitare, invece, io li vedo come concetti davvero profondi ai quali non riusciamo ancora a dare un giusto valore e un giusto peso.

Io ho lasciato da una settimana l’Emilia e l’Emilia, però, ha lasciato qualcosa a me di cui farò tesoro per tutta la vita. L’ho abitata e l’ho vissuta. Troppo poco, è vero, ma l’ho vissuta il tempo necessario per capire alcune cose che vorrei raccontarvi.

1000 metri, 975 per essere precisi. Strade strette e tornanti, paesi fantasma, boschi, frane e torrenti che segnano il paesaggio. Lo solcano come la sgorbia di un abile falegname.

L’Appennino, un monumento naturale che si impone nel collo dello stivale tra l’Emilia e la Toscana. Questi i tratti essenziali dell’arrivo a Succiso nuovo. I primi istanti in questo luogo non hanno un sapore diverso dallo scenario che già conosco. I luoghi, quelli della montagna, sono diapositive già viste in Sardegna. La cifra che identifica il luogo, almeno in questa circostanza, è data dalle persone. Gli abitanti sono pochi, davvero però. Qui da anni si lotta per combattere lo spopolamento: è una resistenza nei luoghi della resistenza. Non ci provano, lo fanno. Le azioni sono concrete e tangibili, e la comunità esiste nel senso più stretto del suo termine. A Succiso Nuovo la cooperativa “Valle dei Cavalieri” si occupa di tenere in vita il paese, di dare un futuro ai bambini e di custodire la memoria del luogo. Il paese, a sua volta, contribuisce a far funzionare la cooperativa. Sono qui da due giorni e le prime parole che mi vengono in mente per descrivere cosa ho visto è responsabilità, sociale​. La responsabilità che sente la Coop per il paese, dando un servizio e creando valore, per tutti. Come lo fa? Con un agriturismo, una bottega, un bar e un’azienda agricola.

La giornata, nell’agriturismo, inizia molto presto.

Alle 7 Emiliano è già all’opera, lui è una icona della cooperativa. Qual è il suo ruolo? Non so ancora definire quale sia ma se ci fosse ancora la resistenza, lui sarebbe uno dei capi della Resistenza. Con farine locali impasta pane e focacce che saranno venduti nella piccola, ma fornita, bottega dell’agriturismo. Una parte, invece, verrà usata per il ristorante. Per me è una scena già vista quella del pane, la mia famiglia si occupa di panificazione da quasi 50 anni.

Emiliano è anche cuoco dell’agriturismo. Le sue ricette sono un complesso connubio di tradizione locale e innovazione del gusto: i suoi antipasti lo dimostrano, i primi lo confermano e i secondi celebrano una filiera corta che va dal produttore al consumatore.

I volti di questa realtà sono tanti.

C’è Albaro, uno dei soci storici della cooperativa. Lui si occupa di tante cose, come del resto anche gli altri: ogni socio ha il suo ruolo primario ma tutti contribuiscono in ogni attività.

Lui, Albaro, crea delle magie con il latte prodotto dalle pecore dell’azienda agricola. È un mago, nel caseificio si muove con destrezza e ogni azione sembra quella di uno sciamano: movimenti ripetuti e precisi dettati da un’aurea di serietà per dar vita a forme di pecorino e ricotta.

Nello stesso stabile incontro un’altra persona: Giovanni. Non è il suo vero nome, ma questo è poco importante. Il suo ruolo, la sua professione e le sue capacità permettono la riuscita di numerose attività della cooperativa: lui è il pastore.

Probabilmente non si ricorda il nome di tutte le pecore, se mai hanno un loro nome. Certo è che le sa riconoscere, sa come trattarle e sa quali sono i loro bisogni di esseri viventi.

C’è anche chi volontariamente, durante il week end, viene qui per dare una mano d’aiuto. Giacomo è uno di queste grandi persone! Lui nella vita fa tutt’altro, ha a che fare con delle cooperative non riconosciute ma che sanno come la cooperazione porti un risultato incredibile: le api. Produce dei mieli davvero interessanti con la sua piccola azienda agricola “Zia Ines“.

Il terzo giorno della mia esperienza in questo luogo è stato dedicato alla visita di un’altra realtà cooperativistica del territorio: il caseificio sociale del parco.

Nel 2000 un gruppo di produttori del crinale dell’Appennino Tosco Emiliano decide di dare una risposta alla crescente domanda di produzione del Parmigiano Reggiano di qualità e a costi di lavorazione sostenibili. Così, costituita la cooperativa, venne creata la nuova latteria che a oggi vanta 18 caldaie e può lavorare fino a 36 forme al giorno, mentre il magazzino offre fino a 16.000 posti forma. La visita del caseificio è stata un’esperienza davvero interessante dovuta principalmente al fatto che a raccontarla è stato il figlio dei primi casari, nonché fratello del nuovo e attuale casaro: Francesco. Lui è cresciuto insieme al caseificio, ne conosce ogni angolo e conosce ogni fase di produzione. Non solo, riesce anche a distinguere la stagionatura delle forme e ci dimostra come capire la qualità delle stesse. Insomma, è stato un piacevole viaggio in mezzo a migliaia forme di parmigiano reggiano!

La prima parte del racconto la chiudo qui, nei prossimi giorni continuerò con altre due parti del viaggio e con le storie di altre incredibili persone che ho incontrato nel mio viaggio.

Valerio


Cosa ho fatto: Visitato la struttura dell’agriturismo, composta da ristorante, hotel, bottega, bar e centro benessere. Visitato l’azienda agricola, composta da capi ovini e microcaseificio nel quale la coop lavora il latte pastorizzato e quello a crudo per ottenere un pecorino fresco, un pecorino stagionato (DOP dell’Alto Appennino Reggiano) e la ricotta. Nello stesso stabile, un microsalumificio dove stagionano salami, pancette e prosciutti di pecora e maiale. Visita al caseificio sociale del parco.

Leave a Reply

Close Menu
Facebook
Facebook
Instagram
Follow by Email
×
×

Cart

WhatsApp chat